Abitudini 

Stili di vita sbagliati

Diabetici in crescita a causa di stili di vita sbagliati

Seguici su

Gli stili di vita sbagliati sono tra le principali cause dell’insorgenza del diabete.

È quanto emerge da un’indagine dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Usa (Centers for disease control and prevention – Cdc, Morb Mortal Wkly Rep. 2012; 61:918-921), dalla quale si apprende che, negli Stati Uniti, nel 2010, vi erano 18,8 milioni di diabetici diagnosticati e 7 milioni di soggetti con diabete non diagnosticato.

Nel confronto con i dati del 1995, si desume che la prevalenza media del diabete diagnosticato negli Usa sia aumentata criticamente in tutte le fasce di età, in entrambi i sessi e in tutti i gruppi etnici dal valore medio originario del 4,5% a quello dell’8,2%.

Ciò significa che nell’arco di tempo considerato, la diffusione del diabete è aumentata in una misura eguale o superiore al 50% in 42 Stati e al 100% in 18 Stati.
Questo incremento è in parte dovuto all’aumento della durata di vita, ma un ruolo preminente è svolto dallo stile di vita.

Gli estensori del documento dei Cdc sottolineano la necessità di strategie rivolte all’intera popolazione e ai gruppi di soggetti ad alto rischio di diabete per invertire questa tendenza e fanno riferimento al National diabetes prevention program, nato da una partnership pubblico-privato di organizzazioni comunitarie, compagnie assicurative e agenzie governative, che sostiene l’implementazione, a livello nazionale, di una politica volta alla correzione degli stili di vita sbagliati attraverso la promozione di buone pratiche nutrizionali, di un incremento dell’attività fisica e di una modesta perdita di peso fra le persone ad alto rischio.

Tutto ciò è anche quello che dovrebbe essere realizzato con molta determinazione anche nel nostro Paese.

(PB)

Commenti

Potrebbe interessarti