Alimentazione

Carne-rossa

La carne rossa facilita l’insorgenza del diabete

Seguici su

Un consumo eccessivo di carne rossa può facilitare l’insorgenza di diabete di tipo 2, come dimostra un’ampia indagine svolta negli Stati Uniti. Meglio moderarne le quantità e la frequenza. E lo stesso vale per salsicce e hot dog.

La prevenzione del diabete di tipo 2 è, oggi, un obiettivo prioritario della sanità pubblica. Poiché, fra gli elementi determinanti la comparsa di questa forma patologica, un ruolo primario viene attribuito, a ragione, alla adozione di modelli nutrizionali non corretti, molta attenzione viene rivolta al potere diabetogeno o, viceversa, protettivo dei vari alimenti.

Un consumo eccessivo di carne rossa può facilitare l’insorgenza di diabete di tipo 2

In questo ambito si colloca uno studio che ha confermato il rapporto, già sospettato da tempo, fra consumo di carne rossa e insorgenza del diabete (Pan A et al. Changes in red meat consumption and subsequent risk of type 2 diabetes mellitus: three cohorts of US men and women. Jama Intern Med 2013:1-8).

Lo studio ha raccolto i dati di tre studi prospettici: il Health professionals follow-up study, il Nurses’ health study e il Nurses’ health study II, comprendenti approssimativamente 150.000 soggetti con un follow up di circa 20 anni.

Il consumo di carne rossa (carne non lavorata di vitello, maiale o agnello e carne lavorata come salsiccia, hot dog e bacon) è stato valutato individualmente, ogni 4 anni, attraverso la compilazione di appositi questionari. Nei soggetti che, a una prima rilevazione, avevano mostrato un incremento del consumo di carne rossa di almeno mezza porzione al giorno rispetto a quella registrata 4 anni prima, è stato rilevato un incremento del 48% della incidenza di diabete di tipo 2. Inoltre, l’uso di carne lavorata è risultato essere associato a un rischio maggiore rispetto alla carne non lavorata.

Al contrario, la riduzione del consumo di carne rossa della stessa entità (mezza porzione) è risultata essere associata a una riduzione del rischio di sviluppare diabete, ma solo nell’ordine del 14% e in un tempo più lungo fino a 12-16 anni.

Si ritiene che gli effetti negativi della carne rossa siano dovuti al suo maggior contenuto di grassi totali e di grassi saturi. È perciò consigliabile farne un uso moderato, dando la preferenza al consumo di pollame o di pesce.

Commenti

Potrebbe interessarti